POLVERE DI STELLE

Rispondo al comunicato della Deputata Nesci non certo per rinfocolare la polemica, che a mio avviso non esiste, ma in quanto responsabile della gestione d’importanti risorse pubbliche destinate alla realizzazione del festival e nella posizione quindi di dover rendere sempre conto del proprio operato.
Devo precisare necessariamente che è ridicolo parlare di "liste di proscrizione", il prof. Settis è cosi al di sopra di tutto e tutti nelle sue prese di posizione, che legittimamente può essere preso come punto di riferimento da chiunque operi in buonafede, a sinistra, destra o altro. 
Avendo dovuto spostare la data del Festival per cause non dovute alla nostra volontà, egli semplicemente non era più disponibile, come ha gentilmente comunicato in risposta alla nostra mail d’invito e alle numerose sollecitazioni che aveva avuto da parte d’importanti figure intellettuali del territorio. 
Mi sfugge poi a quale categoria delle idee da prescrivere rientrerebbero Marc Auge', Ramin Barani e il Teatro dell'Acquario con i quali, purtroppo, il Sistema Bibliotecario nella sua qualità di soggetto responsabile del Festival non ha mai avuto la possibilità di alcun contatto diretto, con grande dispiacere naturalmente perché sono sicuramente personaggi autorevolissimi. 
In particolare per quanto riguarda Marc Augé come Sistema Bibliotecario abbiamo apprezzato la scelta di ospitare questo grande intellettuale, esprimendo solo il parere che potesse esserci un suo confronto con il prof. Luigi Lombardi Satriani intellettuale sulla cui libertà di pensiero nessuno può nutrire dubbi. 
Inoltre l’attacco contro il festival avviene ancora prima che ne sia stato annunciato il programma, che vede la partecipazione di persone di valore, indipendentemente dal loro orientamento politico, come Maurice Aymard, Gian Arturo Ferrari, Curzio Maltese, Franco Arminio, Antonella Tarpino, Luigi M Lombardi Satriani, Angela Bubba, Cesare De Michelis, Mario Fortunato, Giorgio Boatti, ecc. In questo quadro non si comprende come possa essere censurabile la presenza di figure di assoluto prestigio culturale e personale come Marcello Veneziani o Giordano Bruno Guerri.
Fiducioso in una più attenta valutazione dei media su tutta la questione colgo anche l’occasione per invitare la Deputata Nesci a non incorrere nell’errore che vorrebbe attribuire ad altri, ovvero interferire con la Cultura.

Condividi
Free business joomla templates

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie privacy policy (link). Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information